Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura


Scrivo come se vi parlassi.
(Marivaux)

Dopo aver accarezzato l’argomento nell’ articolo La stesura del mio romanzo – Work in progress, ho deciso di approfondire il tema, aggiungendo nuovi consigli a quelli dati in precedenza. Questa volta mi focalizzerò su aspetti puramente tecnici e legati all’organizzazione del lavoro. Io stessa trarrò beneficio da ciò che scriverò, poiché ritengo di dover imparare ancora molto.
Per un aspirante scrittore, la prima stesura è lo scoglio più grosso. Sapete che circa l’80% dei romanzi rimangono incompiuti? Dettaglio triste, vero? Io stessa ho riempito il cassetto di bozze mai portate a termine. Arrivata al tetto delle 50 pagine - che tra l’altro non sono poche - mi incagliavo come una barchetta fra gli scogli e poi andavo a fondo, miseramente.
Anche con la storia di cui mi sto occupando attualmente ci sono stati dei tentennamenti. I primi mesi di lavoro sono stati caratterizzati da una lentezza esasperante, in parte perché molti dettagli erano ancora da definire, in parte per la mancanza di tempo a disposizione. Quindi, dal momento che non voglio finire nel 2032, è stato necessario prendere alcuni accorgimenti finalizzati a rendere le cose un po’ più facili.
Di seguito, tutto ciò che ho imparato.

La scaletta e le schede dei personaggi non si concludono in fase di progettazione.
Proprio oggi, mentre chiacchieravo con Salvatore, mi è capitato di scrivere “la mia trama si sta ancora formando”. E lui, giustamente: “Ma non avevi fatto la scaletta?” Certo che l’ho fatta. Ci ho dedicato un sacco di tempo, però ho sempre la sensazione che tutto possa essere modificato e migliorato. Nessuna scelta narrativa è fuori dalla portata delle mie cesoie.
Un po’ invidio coloro che riescono ad essere fedeli ai propri piani iniziali. Io sono un fiume di idee. Quasi ogni giorno trovo nuovi spunti. Ma non solo: sono anche una pignola di merda, una persona che mette sempre tutto in discussione.
Penso che uno scrittore non debba mai sedersi sugli allori, nemmeno quando le proprie scelte gli sembrano valide. Ogni idea può essere potenziata e dare origini a soluzioni nuove. Se qualcosa non ci convince appieno, siamo liberissimi di cambiare rotta. È un nostro sacrosanto diritto.
Tuttavia, se non vogliamo trovarci per le mani una storia completamente diversa da quella progettata all’inizio e correre il rischio di perdere il filo, dobbiamo registrare ogni cambiamento e, soprattutto, fare in modo che l’insieme mantenga la propria coerenza. È bene che la scaletta e le schede dei personaggi siano sempre a portata di click. E la Moleskine deve diventare la nostra coperta di Linus.

Per il processo di documentazione, vale il principio di cui sopra.
Qualunque storia richiede un lavoro di ricerca. Qualcuna di più, qualcuna di meno, ma nessuna è immune dalla fase di documentazione, a meno che non vogliamo scrivere un romanzo autobiografico sulle esperienze che abbiamo avuto in prima elementare.
Per questo motivo, dobbiamo tenere un occhio sul testo e un altro su google anche quando crediamo di sapere tutto. Così facendo, in fase di revisione faticheremo molto meno.
Ho l’abitudine di scrivere ogni scena in tre fasi:
-La prima è una “vomit-draft”. Scrivo di getto, senza curarmi nemmeno dell’ortografia e della grammatica. Mi serve per costruire lo scheletro, gettare le basi.
-La seconda mi serve per integrare i dettagli, correggere i refusi ed aumentare la resa narrativa.
-La terza è una rilettura generale, spesso a freddo.
In linea di massima, cerco di procurarmi tutto quello che mi serve prima di cominciare. Se mi accorgo di un gap di documentazione mentre sto elaborando la prima stesura, non mi interrompo. Ieri non mi ricordavo il nome di un lago (Fiastra, nelle Marche) e ho messo delle “x” per non arrestare il flusso creativo. Quando l’impalcatura è costruita, mi occupo di reperire il materiale da integrare nella seconda stesura. In questo modo, creatività e razionalità sono perfettamente equilibrate.

Ritmo di scrittura adatto alla persona.
C’è chi scrive la mattina presto e chi si trova meglio a notte fonda. Non esiste una regola generale, come per tutto ciò che è arte. L’importante è riuscire a trovare un modus operandi consono al proprio stile di vita e impegnarsi per mantenere la promessa fatta a se stessi.
Io faccio brain-storming prima di cena, non so come mai. Per scrivere, invece, non ho un orario preferito. Ma nell’ultimo mese ho trovato un metodo che ha velocizzato il mio lavoro. Credo che lo manterrò.  
Durante il weekend, faccio prevalentemente “vomit draft”. Vado avanti per ore senza fermarmi e mi dedico alla seconda stesura solo se ho scritto così tanto che mi fanno male le mani. Non ci sono strategie: semplicemente creo.
In settimana sono più stanca a causa del lavoro e preferisco avere dei testi da cui partire. Mi occupo quindi della seconda stesura o della rilettura di brani più vecchi.
Mi sono data una regoletta per tenere a bada il revisore fighetto: quando arriva sabato mattina, si scrivono cose nuove. In questo modo evito di trascorrere ore sulle medesime scene.  Tutte le revisioni necessarie saranno fatte alla fine, quando il testo avrà avuto modo di decantare ed io avrò maturato il giusto distacco.
Lavorando in questo modo, sono riuscita a scrivere 40 pagine dal 7 gennaio in poi. Non sono moltissime, ma considerando i miei impegni non posso che considerarmi soddisfatta.

Focalizzarsi sulla fabula e non sull’intreccio.
Questo consiglio mi è stato dato da Alessandro Cassano del blog Obbrobbrio e vale soprattutto per chi, come me, non ha ancora fatto una netta suddivisione in capitoli e scene.
Quando faremo la seconda stesura del romanzo, potremo combinare i vari capitoli nel modo che riteniamo opportuno, ma al momento è meglio preoccuparsi soltanto di andare avanti.
Ora il nostro scopo è solo quello di prendere in mano la scaletta e tirare fuori la nostra storia. In seguito ci sarà tempo per i virtuosismi. Ripeto: dobbiamo arrivare alla fine. Questa è la cosa più difficile.

Scrivere.
Può sembrare forse un consiglio scontato, ma è il più importante di tutti.
Scrivere significa tenere a bada l’impulso autodistruttivo di tornare indietro e rifare tutto. Le modifiche alla scaletta in corso d’opera riguarda ciò che non è ancora stato scritto. Se mi metto a revisionare prima del tempo è la fine. Rischio di non arrivare nemmeno a metà.
Scrivere significa non aver paura di dover fare una seconda stesura quasi capillare, perché la prima ci sembra oscena. Probabilmente lo è, ma non importa. Non deve essere perfetta: deve essere fatta.
Scrivere significa non aver paura nemmeno di dover fare una terza, una quarta e una quinta stesura. Quando si è esordienti, non si deve avere alcuna fretta. Perché se si ama davvero la propria storia non ci verrà mai a noia. Man mano che andremo avanti, crescerà il desiderio di raccontarla. La volontà ferrea di fare un buon lavoro manterrà accesa la fiamma.
Scrivere significa evitare che i dubbi si trasformino in paranoie paralizzanti ma diventino domande lanciate nel nostro inconscio come messaggi nella bottiglia: prima o poi porteranno risposte in grado di sorprenderci.
Scrivere significa credere fermamente che ogni tassello del puzzle potrà andare al proprio posto. E significa anche saper spostare quelli sbagliati per trovar loro una migliore collocazione. Non dobbiamo aver paura di eliminare ciò che non ci serve, perché l’attaccamento a idee putrefatte è nemico giurato della creatività.
Io non conosco nel dettaglio ogni piega della mia storia. Conosco il punto di partenza e le tappe fondamentali del viaggio. Ciò che accadrà durante il tragitto è parzialmente ignoto ma non mi spaventa. Anzi: l’incertezza mi esalta. Nella nebbia si nascondono tante idee che usciranno allo scoperto in momenti impensabili, facendomi esplodere di gioia. E, quando le butterò su carta, mi sentirò felice come una bambina il giorno di Natale.  Poi sorgeranno nuovi problemi e nuove soluzioni, in un movimento a spirale che spero mi porterà fino alla meta.  

Quanti di questi consigli riuscite a seguire? Ne avete altri per dei pivelli come me? Magari chi ci è riuscito più spiegarci come. E chi non ci è riuscito può spiegarci perché! 

P.S. Molti si domandano che fine abbia fatto il post sui personaggi dei fumetti che avevo anticipato tempo fa. Abbiate fede: arriverà presto! 

Commenti

  1. Io sto cercando di impormi di scrivere di getto, ma non è facile. C'è sempre la tentazione di tornare indietro, di vedere cosa ho combinato. Di correggere, di eliminare refusi e ripetizioni ed errori. Credo che per i personaggi si debba però cercare di conoscerli bene, prima di cominciare, un po' come faceva Simenon. Lui passava settimane con i personaggi, li doveva conoscere alla perfezione, capire il loro modo di pensare, di agire e poi... Chiamava il medico di famiglia, faceva visitare figli e moglie per accertarsi che la loro salute fosse a posto. E infine si chiudeva nello studio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le schede dei personaggi sono fondamentali e vanno assolutamente fatte prima di cominciare a scrivere. Il fatto è che molte persone si sentono vincolate alle scelte preliminari. Io no. Se un'idea è migliore di quelle avute in precedenza, perché non correggere il tiro? L'importante però è tenere aggiornata la documentazione.

      Io mi sono imposta la scrittura di getto, ed ora è diventata abituale. La mia lentezza era esasperante. Se avessi continuato a fare come facevo non avrei mai finito.

      Elimina
  2. Disclaimer: IRL io sono insopportabile.
    Io sono molto più architetto e molto meno giardiniere. Per cominciare a scrivere la scaletta è definita e ogni punto "cuba" circa cinque pagine. La scaletta ha già i capitoli impostati, i cliffhanger dove servono e la documentazione è abbastanza approfondita per non avere evidenti buchi di trama. Di solito a quel punto ho anche la maggioranza delle mappe geografiche già disegnate e buona parte di quelle concettuali per relazioni e conflitti tra i personaggi principali. Poi, mentre scrivo, compilo anche le schede dei personaggi, man mano che mi imbatto nelle loro caratteristiche. Per ultimo sono un figlio del NaNoWriMo: ho un target giornaliero di parole e un obbiettivo finale ben precisi: mi da molto fastidio sgarrare i tempi e cartelle.
    Diciamolo: sono proprio un gran bel rompipa11e :) (E tu saresti pignola?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti tu hai scritto quattro libri, io ancora nemmeno uno! :-D
      Invidio chi sa progettare così bene e, anche senza arrivare a tali livelli di precisione, vorrei essere un po' più metodica. Al momento non ci riesco ancora: il mio desiderio di scrivere è così grande che involontariamente tendo a trascurare la progettazione. Però so che è un limite di tanti "principianti" e che prima o poi, con il tempo, si impara a lavorare in modo più professionale. Dunque vado avanti senza disperarmi e lasciando che il cambiamento, in me, avvenga nel modo più naturale possibile. :)

      P.S. Non premurarti di censurare le parolacce: questo è un blog alla mano! :-D

      Elimina
  3. io trovo utilissimo il metodo del fiocco di neve http://www.advancedfictionwriting.com/articles/snowflake-method/
    costringe a porsi le giuste domande e a sviluppare la storia in modo molto equilibrato.
    non arrivo mai a un livello di dettaglio di capitoli e scene, ma penso sia fondamentale per capire se la storia che ho in mente ha un senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conoscevo. Appena possibile ci do un'occhiata. Grazie mille! :)
      Al momento la trama "fila", ma ogni stratagemma può essere utile per imparare qualcosa di nuovo.

      Elimina
    2. Non lo conoscevo, ma è davvero un ottimo metodo: grazie per averlo segnalato! Penso che la prossima volta proverò a seguirlo...

      Elimina
  4. Un tempo riuscivo a scrivere di più, perché le ore della giornata sembravano più dilatate rispetto agli impegni; pensa che i capitoli migliori del mio romanzo sono stati tutti concepiti e scritti a lavoro (sfruttavo alla grande i tempi morti! Ce n'erano tanti, poi è morto pure quel lavoro, ma questa è un'altra storia!).
    Lo sai, mi piace molto leggere di scalette e schemi, perché io sconosco sia le une che gli altri: scrivo solo con un'idea ben precisa, che non so mai dove va a parare ma che, alla fine, riesco ad incastrare perfettamente con l'andamento della storia. Cambio spesso idea, modifico i personaggi ed il pensiero di una scaletta mi costringe a camminare su binari che poi, magari, ignorerò del tutto in corso d'opera. Una cosa, però, la faccio: la scheda dei personaggi, perché una volta mi è capitato di chiamare un personaggio in due modi diversi senza ricordarmene e di fargli fare cose del tutto incoerenti con la linea che avevo scelto per esso. Un disastro, perché -te ne sarai accorta- le lunghe storie hanno un filo di coerenza sottilissimo che bisogna tenere sempre d'occhio.
    Una cosa che non riesco a fare è completare le bozze di racconti cominciati e lasciati a metà. Li lascio monchi, totalmente incapace di ricostruire i momenti e le sensazioni che me li avevano ispirati. (e- ahimè - ne ho pieni i cassetti!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco proprio a scrivere in ufficio, un po' perché ho pochi tempi morti e un po' perché l'atmosfera mi inibisce. Ho la scrivania che da le spalle al corridoio, quindi mi sento molto osservata. Riesco al massimo ad abbozzare qualche post sul blog.

      Per il resto, lavoriamo esattamente nello stesso modo. Anche per me le schede dei personaggi sono fondamentali, ma non riesco a fare una progettazione troppo pedissequa. :)

      Elimina
  5. Ecco, io rientro in quell'80%. Anzi, ci sono rientrato più volte. Anche il mio cassetto è pieno di bozze mai concluse, quasi tutte arrestate a pagina 80... Numero maledetto. Tuttavia non considero il cambiamento un male assoluto. Se non provo a scrivere diverse storie, come faccio a sapere cos'è che voglio raccontare davvero? Diciamo che è una sorta di esplorazione, meno intima perché il fine è sempre quello di far leggere agli altri ciò che si scrive, ma pur sempre introspettiva perché serve a conoscersi meglio.

    Non me la sento di dare consigli a nessuno, meno che mai a me stesso. Non sono ancora arrivato a capire come funzionano certe dinamiche. Certo, con il tempo, ho imparato diverse cose: ad esempio che mi piace scrivere soprattutto la mattina presto; che ho necessità di uno scheletro della storia da seguire, come le briciole di Pollicino; che se non conosco bene il cuore e l’anima della storia, come dice Tenar, finisco per vagare fra le parole fino a perdermi…

    Forse questi, a loro volta, sono dei consigli… consigli che do a me stesso per primo. Tuttavia, pensandoci, c’è un consiglio in assoluto che sento di dovermi dare: smettere di pensare d’essere perfetto. La ricerca della perfezione, almeno in prima battuta, è un grosso limite. Un macigno che blocca la strada, troppo pesante da spostare e troppo ingombrante da aggirare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta una persona mi ha detto "non esistono fallimenti, solo feedback". Nathalie Goldberg, nel suo saggio "scrivere zen", spiega che nessuno scritto deve essere rinnegato in quanto tutto ciò che esce dalla nostra penna ci appartiene, è energia che si libera. Quindi se una persona scrive schifezze per cinque anni è perché ne ha bisogno: deve ripulirsi dalle stesse schifezze che ha accumulato dentro di sé. Dunque ben vengano i tentativi falliti, se ci portano verso una maggiore consapevolezza e, di conseguenza, professionalità.

      La sensazione di essere perfetti è un inganno della mente ed è l'illusione che più di tutte fa cadere. Se ti liberi dall'ego, puoi fare grandi cose. La scrittura dopo tutto è arte. è passione. Non si può fare solo con la testa. :)

      Elimina
  6. Non piango per quell'80% di romanzi non finiti, forse non avevano la forza di imporsi. Anche tra i miei file ci sono parecchie storie abbandonate e non mi sento in colpa. Una di esse aveva un indubbio fascino. Purtroppo aveva solo quello, è morta per mancanza di personalità aggravata nei personaggi, una malattia letale.
    Il tuo romanzo, te lo dico sempre, mi sembra in buone mani e mi sembra anche che tu stia procedendo spedita: vai avanti così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro davvero che il mio romanzo sia in buone mani.
      è un periodo in cui sto lavorando parallelamente sulla progettazione e sulla stesura. A volte mi sembra di fare le cose alla grezza, ma cerco di mettercela tutta. In fondo sto imparando. E tutto il tempo impiegato adesso sarà risparmiato in futuro. :)

      Elimina
  7. Sicuramente seguo soprattutto l'ultimo. Ci sono delle giornate in cui scrivere diventa quasi un fastidio, eppure mi impongo di aggiungere una mezza pagina al manoscritto in corso anche durante le giornate no perchè sono consapevole che basta interrompere la continuità della scrittura e ci vuole pochissimo a mollare tutto ciò che è stato già scritto e lasciarlo nel cassetto dei lavori abbandonati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se scrivere diventa un fastidio evito di farlo. In fondo so che si tratta solo di un momento passeggero. Il credo in questo romanzo e, nonostante i tentennamenti, so che tornerò sempre sulle sue pagine.

      Elimina
  8. In un periodo nero per la scrittura creativa come quello appena conclusosi per me, di questi consigli non ne potevo seguire nessuno. XD
    Ma adesso che sto ricominciando a scrivere per revisionare un romanzo che vorrei pubblicare, questi consigli arrivano nel momento giusto. Una cosa è certa: adoro scrivere di pomeriggio e poi verso sera. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La revisione è già più semplice, perché hai una base da cui partire. Però questi consigli possono essere sicuramente utili. In bocca al lupo! :)

      Elimina
  9. Al termine della prima stesura forse di vede la terra ferma, ma la navigazione è ancora lunga e insidiosa e il naufragio non del tutto scampato. Solo questo mi viene da dire, poi ognuno ha i propri tempi e le proprie tecniche, anche se un po' di sano tecnicismo aiuta, nonché avere un'idea forte su ciò che si vuole scrivere. Io sono alle prese con la 4 e ti dico, sono in una bella tempesta con onde altissime e pirati in agguato. BACI Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò: al momento non sono spaventata dalla revisione. Non ho mai concluso un romanzo, ma ne ho abbandonati tanti. Per me ora è molto importante raggiungere la meta. In futuro si vedrà. :)
      Baci a te!

      Elimina
  10. Io mi trovo bene scrivendo quando sono su di energie e facendo revisione o lavoro sulle idee quando sono meno carica. Alternare le cose è anche molto utile a non farsi scoppiare il cervello... e il resto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, anche se io mi accorgo che a volte trascuro un po' i lavori diversi dalla scrittura, a parte la rilettura (mi sono dovuta fare violenza per non eccedere) perché il tempo è così poco che appena ho un minuto mi butto al pc... mi impegnerò di più :)

      Elimina
  11. Mi sembrano ottimi consigli. Vedrò di metterli in pratica, grazie! ;9

    RispondiElimina
  12. Prego: sono contenta ti esserti stata utile. :)

    RispondiElimina
  13. Perdere il ritmo è facile, ritrovarlo è molto difficile. Mi prendo la tua esperienza del sabato mattina e la faccio mia, o almeno ci proverò. Basta così poco per distrarsi...
    Condivido i punti elencati e direi che sono ottime considerazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa settimana dovrò fare un piccolo strappo alla regola, perché da domenica scorsa non riesco a scrivere nulla.. troppo lavoro. Troppa stanchezza!
      Ma in linea di massima questo metodo funziona! :)

      Elimina
  14. Anch'io, come te, tendo a dar libero sfogo alla creatività e preoccuparmi principalmente di scrivere e perfezionare la storia in corsa. So dove voglio arrivare ma lascio spazio alle idee e devo dire che, come per il primo romanzo, anche per il giallo che sto scrivendo ora, questo mi ha aiutato. La trama non cambia, il colpevole è sempre lo stesso, ma nel finale l'interazione fra i protagonisti è più corposa. Purtroppo non posso svelare altro.
    Durante la stesura non mi fermo a far revisione, correggo qualcosa, ma vado sempre avanti, l'unica cosa che mi ferma è la pignoleria e spesso approfondisco delle ricerche al momento, non lascio "x" in giro.
    Gli unici consigli che posso darti sono:
    - fai la revisione con calma
    - troverai il tuo metodo e migliorerà col tempo
    Per quanto riguarda la revisione, ti si aprirà un mondo, sono convinto che gli interventi di revisione migliorano molto la scrittura e al romanzo successivo magari scriverai una stesura di meno o salteranno più all'occhio gli elementi da correggere.
    Io col primo romanzo ho capito che per me funziona una stesura e più revisioni, con il romanzo che sto scrivendo ora ho stabilizzato il periodo di scrittura: scrivo nel fine settimana perché durante la settimana il lavoro mi affatica talmente il cervello che posso solo pensare alle mie storie, però anche pensarci molto mi aiuta a sviscerare ed analizzare le idee. Il giallo inoltre ha richiesto la stesura a priori di tutta la fabula, prendo più note...
    Insomma, per farla breve, se non riesci a fare la scaletta o una scheda (luogo, personaggio, evento, etc.) in un certo modo è perché non hai ancora trovato il tuo modo, prima o poi lo troverai o ti renderai conto che a te quel passaggio non serve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Renato, tutto dipende dall'esperienza. Con il tempo le persone riescono a perfezionare ed armonizzare il proprio metodo trovando nuove modalità espressive.
      Anche io scrivo il romanzo prevalentemente nel weekend. Durante la settimana, va già bene se riesco ad occuparmi del blog. Per stasera, poi, ho in cantiere un post decisamente corposo.
      Un po' mi rode, perché a volte temo che non finirò mai il romanzo, ma in questa fase della vita so di non poter fare altrimenti. In futuro, chi lo sa.
      Grazie per i consigli. Sicuramente saranno utilissimi! :)

      Elimina
    2. Prego.
      Io divido il mio tempo libero fra le cose da fare, il romanzo da scrivere e la promozione ad Apoptosis. Secondo me, finché dedichi parte del tuo tempo anche alla scrittura del romanzo, fai progressi. Se scrivessi soltanto, la mente non divagherebbe e ti annoieresti, non riusciresti a scrivere proprio. Anche la suddivisione del tempo e le priorità si imparano con l'esperienza.

      Elimina
  15. Sulla scaletta e le schede hai ragione. Buona idea registrare le varie modifiche. Neanche io riesco a essere sempre fedele al progetto iniziale.
    Documentazione: stesso discorso anche per me. Prima faccio una documentazione generica, che mi serve per iniziare a progettare la storia. Ma via via che scrivi puoi aver bisogno di informazioni non prevedibili all'inizio.
    Fabula: nella lunga trama che non ho ancora finito per un romanzo fantasy ho deciso di fare proprio così. Ora è lineare, è così che mi serve, poi preparerò le suddivisioni dei capitoli con l'intreccio.
    Ho avuto la tentazione di ricominciare a scrivere il romanzo che ho interrotto, ma poi ho pensato che è meglio portarlo avanti e solo dopo fare una seconda stesura, o riscrittura quasi da zero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che si debba tornare indietro solo se è assolutamente necessario. Per me, a breve, potrebbe essere utile rivedere alcune parti, ma deciderò al momento. :)

      Elimina
  16. Ciao a tutti😀 anche io come te sono una "scrittrice" esordiente, mi rivedo molto nelle tue considerazioni e consigli, mi sono cimentata fino ad ora in diverse trame con diversi generi, e non riuscivo a comprendere perché il flusso della storia si bloccasse senza portare a nulla. Infine ho compreso che i generi provati fino ad ora non facevano parte di me, credo che ognuno di noi abbia uno stile e un genere di scrittura e di storia che può darci soddisfazione perché specchio, anche, della nostra anima e frutto delle nostre emozioni. Fino ad ora avevo mentito a me stessa cercando di scrivere generi letterari che amavo leggere ma che non mi rappresentavano. Finalmente ho trovato il genere che fa per me è come per magia adesso il flusso creativo è sempre più vivido, come la storia e i personaggi. Dunque il mio consiglio è siate sinceri con voi stessi,cercate il genere più affine a voi, tutto il resto verrà con il tempo e il duro lavoro.

    RispondiElimina
  17. Ciao a tutti😀 anche io come te sono una "scrittrice" esordiente, mi rivedo molto nelle tue considerazioni e consigli, mi sono cimentata fino ad ora in diverse trame con diversi generi, e non riuscivo a comprendere perché il flusso della storia si bloccasse senza portare a nulla. Infine ho compreso che i generi provati fino ad ora non facevano parte di me, credo che ognuno di noi abbia uno stile e un genere di scrittura e di storia che può darci soddisfazione perché specchio, anche, della nostra anima e frutto delle nostre emozioni. Fino ad ora avevo mentito a me stessa cercando di scrivere generi letterari che amavo leggere ma che non mi rappresentavano. Finalmente ho trovato il genere che fa per me è come per magia adesso il flusso creativo è sempre più vivido, come la storia e i personaggi. Dunque il mio consiglio è siate sinceri con voi stessi,cercate il genere più affine a voi, tutto il resto verrà con il tempo e il duro lavoro.

    RispondiElimina
  18. Ciao Silvia, benvenuta! :)
    Sono assolutamente d'accordo con te. Noto infatti che molti aspiranti scrittori si fanno condizionare da esigenze che esulano la creatività pura: pensano al marketing, all'eventuale successo commerciale di una storia, al genere che vende di più. E si arenano dopo poche pagine!
    Scrivere è difficilissimo, per chi è alle prime armi. Per questo motivo la sintonia con la propria storia è assolutamente fondamentale. Se manca quella, è quasi impossibile trovare lo stimolo per arrivare alla fine. :)

    RispondiElimina
  19. Io sono arrivata a 460 pagine e mi viene voglia di riscrivere tutto, fa' un po' tu. Sono combattuta da mesi, non mi piacciono i personaggi né quello che secondo me dovrebbe accadere. Le idee le ho ma quando vado a rileggere sembra una storia scritta da una bimbaminkia, con personaggi sciocchi e piatti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

I miei anni '90

Scripta manent - Il viaggio invisibile delle parole

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala

La volontà di essere un Jolly

Il Jolly e la gassosa purpurea - la disinformazione