Venticinque domande indiscrete su libri e lettura (meme)


Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere, 
ma nessuno ancora sa cosa sarà.
(Italo Calvino) 

Dopo aver risposto, circa un mese fa, a “Venticinque indiscrete domande cinematografiche”, oggi vi propongo, con un giorno di anticipo rispetto alla scadenza consueta, l’omologo meme letterario, al quale hanno già partecipato Silvia Algerino e Salvatore Anfuso.

Approfitto di questo cambio-data per comunicarvi che, per tutto il mese di luglio, manterrò sì almeno un aggiornamento settimanale, ma il giovedì sarà un riferimento puramente indicativo e la pubblicazione dei post potrà avvenire anche in giorni diversi. Questo perché ho deciso di mantenere una libertà creativa tale da potermi concentrare sul romanzo senza sentirmi vincolata a impegni di altro tipo. Ho infatti intenzione di concludere stesura e prima revisione entro una data precisa, che non voglio ancora rendere pubblica, ma che, considerato lo stato dei lavori, è incredibilmente vicina. Sempre per questo motivo, gli aggiornamenti saranno sospesi per tutto il mese di agosto e riprenderanno – salvo altre indicazioni – giovedì 1° settembre.
Ora, veniamo ai nostri amati libri.

01. Come scegli i libri da leggere?
Ci sono autori che per me rappresentano una garanzia: seguo la loro carriera come una stalker. In altri casi, mi affido alla trama descritta nella quarta di copertina, alle recensioni di Amazon, o ai consigli degli amici. Fortunatamente ho una buona intuizione e raramente incappo in delusioni.
02. Dove compri i libri?
Siccome sono una lettrice accanita e un’acquirente compulsiva, da un annetto compro i libri su Amazon per risparmiare un po’. Però non rinuncio ai miei pellegrinaggi in libreria, dove passo ore a curiosare, per poi segnarmi i titoli che mi interessano e collegarmi al computer non appena arrivo a casa.
03. Aspetti di finire una lettura prima di comprare un nuovo libro?
Assolutamente no, anzi: adoro il momento in cui termino un libro e sfoglio i titoli a disposizione per decidere cosa leggerò dopo, è come decidere quale vestito indossare. La mia to-read list, quindi, è sempre piuttosto grassa. Il mio guardaroba anche.
04. In quale momento della giornata preferisci o puoi dedicarti alla lettura?
Di solito la sera, prima di dormire: se non leggo almeno mezz’ora, rimango sveglia.
Durante il weekend, invece, non ci sono orari. 
05. Quando compri un libro ti fai influenzare dal numero di pagine?
Al mare mi piace nuotare al largo, non mi limito a bagnarmi i piedi. Allo stesso modo, le storie brevi mi lasciano una sensazione di incompletezza e prediligo i romanzi con almeno 300 pagine. Però non sono categorica: ci sono letture mignon che ho gradito molto.
06. Qual è il tuo genere preferito?
Leggo prevalentemente opere main-stream o difficili da classificare, ma se dovessi scegliere un genere opterei per il giallo, meglio se europeo.
07. Hai un autore preferito? Chi?
Il concetto di “autore preferito” mi sembra un po’ adolescenziale, però apprezzo molto Biondillo e Ammaniti, considero De Carlo uno dei punti fermi della mia formazione letteraria e, nel corso della vita, la mia passione per la lettura ha attraversato diverse fasi, ciascuna con i suoi scrittori simbolo. Per esempio, da adolescente ero andata in loop per i legal-thriller: anche se non leggo Grisham da un po’, mi è rimasto nel cuore.
08. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Molto presto: all’inizio della terza elementare avevo già letto tutti i libri presenti nella sezione “bambini” della biblioteca comunale di Sanremo, e la direttrice mi aveva concesso di accedere a quelli per ragazzi. Ricordo con particolare affetto la collezione “Gaia Junior” e le opere di Bianca Pitzorno.
09. Li presti mai i tuoi libri?
Sì, anche se quando non tornano indietro ripeto a me stessa che è l’ultima volta…
10. Ne leggi uno alla volta o più contemporaneamente?
Uno alla volta perché quando inizio un libro entro nelle sabbie mobili, mi lascio risucchiare completamente e, finché non lo concludo, non esiste nient’altro.  
11. La tua cerchia di familiari e amici legge?
Nella mia famiglia di origine sono tutti lettori; in quella di mio marito legge solo lui…
12. Quanto impieghi mediamente a finire un libro?
Raramente vado oltre la settimana, ma dovendo fare una media direi che nei periodi di lavoro impiego circa una settimana (sapete che leggo prevalentemente “tomi”) e in quelli di ferie da 2 a 4 giorni.
13. Se incroci qualcuno che legge in pubblico sbirci il titolo del libro?
Sempre: mi piace interpretare i gusti degli altri e cercare di capire chi ho di fronte. Anche al supermercato, quando sono in fila alla cassa, sbircio sempre nei carrelli altrui… scommetto che non sono l’unica! 
14. Se ne potessi salvare solo uno, quale salveresti?
Che brutta domanda; non voglio rispondere: cosa sarebbe un mondo con un solo libro?
15. Perché ti piace leggere?
Perché ho un amore viscerale per le parole, in qualunque forma esse si presentino.
16. Leggi libri in prestito o solo quelli che possiedi?
Non mi piace farmi prestare i libri perché poi devo restituirli, quindi solitamente li compro.
17. Quale libro non sei riuscito a finire?
Sebbene solitamente cerchi di finire anche i libri che non mi piacciono perché mi fanno comprendere gli errori da evitare, talvolta mi capita, seppur con frustrazione immensa, di interrompere la lettura: dopo tutto nessuno mi punta una pistola alla tempia, e la vita è troppo breve per sprecarla in attività noiose. L’abbandono più recente è quello de “La strega nera di Teheran”: con il narratore esterno e la totale assenza di “show don’t tell”, dopo 100 pagine non ero ancora entrata nella storia…
18. Hai mai comprato un libro solo per la copertina?
Non ricordo, ma mi pare di no.
19. C’è una casa editrice che apprezzi in particolare?
Guanda non mi ha mai deluso, però non ho preferenze categoriche.
20. Porti i libri in giro o li tieni al sicuro in casa?
Quando vado al lavoro porto sempre il Kindle con me, così se la collega con cui vado a pranzo non c’è, almeno ho compagnia. Anche in spiaggia (come vedete dalla foto) e dal parrucchiere ho sempre qualcosa da leggere.
21. Tra quelli che ti hanno regalato quale hai apprezzato maggiormente?
Sebbene sia è passato tanto tempo, ricordo con immenso piacere “Qualcuno con cui correre” di David Grossman, ricevuto per il mio ventiquattresimo compleanno, nel 2005.
22. Come scegli un libro da regalare?
Non regalo mai libri che non abbia letto e gradito.
Ovviamente, devono anche essere coerenti con i gusti e la personalità di chi li riceve.
23. C’è un criterio particolare in cui è ordinata la tua libreria?
Quattro anni fa, subito dopo il trasloco avevo fatto una suddivisione per argomenti: romanzi, sociologia, filosofie orientali, ecc. Ora è tutto mescolato e prima o poi dovrò rimetterci mano.
24. Se un libro ha delle note hai l’abitudine di leggerle o le salti?
Nei saggi le leggo; nei romanzi solo se mi aiutano a comprendere meglio i contenuti.
25. Leggi le introduzioni, prefazioni e postfazioni o le salti?
Di solito salto l’introduzione e la prefazione, ma leggo la post-fazione e i ringraziamenti. 

Il lancio della patata bollente.
Chi di voi mi somiglia e perché?

Commenti

  1. Sì, direi che ti somiglio in molte risposte, come già tu avevi evidenziato a commento del mio post. Grazie per la citazione. <3 :)

    RispondiElimina
  2. Belle risposte, Chiara. Invidio la tua velocità di lettura. Al tuo confronto sono un bradipo. Grazie per la citazione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo scritto anche in un commento da Daniele: la mia velocità di lettura è impressionante, senza però compromettere la comprensione. Però ho altri difetti! :-D
      Grazie a te per l'idea. :)

      Elimina
  3. Sulla voracità, sulla velocità di lettrice ci somigliamo. Anche sul cercare in libreria ma poi comprare altrove, sul prestito che mannaggia è l'ultima volta! (Ho prestato un libro 2 anni fa: scandaloso, lei abita a 200 m. da me!) Anch'io ho un grande amore per le parole, per le storie. Se quella nella foto sei tu, ed è già l'abbronzatura 2016 congratulazioni. Buonissima estate, Chiara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È l'abbronzatura di agosto 2013, in realtà! :-D ed ero circa 7 kg in più di adesso. Però mi piaceva questa foto; rende bene il mio rapporto con la lettura e con il mare. :)

      Elimina
    2. Caspita, allora sei un'acciuga ora. Sì, è una foto molto bella ed è un bel mix tra mare, libri e tu! Sandra

      Elimina
    3. Troppo acciuga, decisamente! ;)

      Elimina
  4. In linea di massima direi che ci assomigliamo parecchio, a parte:
    - punto 4: leggo quasi esclusivamente in metropolitana nei miei lunghi tragitti da pendolare, per fortuna riesco a estraniarmi;
    - punto 6: non ho un genere preferito, ma se dovessi indicarne uno per vivere solo di quello, direi il genere storico;
    - punto 10: ne leggo al massimo due, ma di due generi diversi altrimenti mi confondo. Quindi un saggio per il viaggio di andata e un romanzo/una raccolta di racconti per il viaggio di ritorno.
    - punto 19: io direi Adelphi.
    - punto 20: il kindle non ce l'ho, ho il kobo, ma non lo uso mai! Mi piace troppo il libro di carta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io quando vivevo a Milano leggevo sempre in metropolitana (e anche altrove), così come tutt'ora leggo in treno, le rare volte che mi capita di prenderlo. Tuttavia, da quando mi sono trasferita di nuovo, uso pochissimo i mezzi pubblici. :)

      Elimina
  5. Che bella, Claire!
    Bello anche il costume! E la borsa!
    7KG?!? Vieni qui a farti dei cheeseburgers, vedrai che funziona! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità, io mangio tantissimo. è stato lo stress, non la dieta, a farmi dimagrire. E all'inizio di kg ne avevo persi 13. Quando sono tesa, è come se il cibo mi passasse attraverso. Tu da psicologa come interpreti questa cosa? :)

      Elimina
  6. Siamo simili sotto diversi aspetti!
    Specie sul regalo: anche io -qualora dovessi regalare un libro (ma anche un film)- cerco qualcosa che richiami la personalità del soggetto interessato :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non farlo, mi sembrerebbe quasi un'offesa! ;)

      Elimina
  7. Abbiamo gli stessi autori fra i preferiti, tranne Biondillo che non conosco.
    Io, però, i libri non li presto! ;) e ne leggo tre in contemporanea. Poi direi che leggo a ogni ritaglio di tempo concesso.
    Ti invidio l'abbronzatura! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Biondillo è un architetto piegato alla letteratura: ho imparato molto da lui, per quel che riguarda le descrizioni.

      L'abbronzatura non è ancora così intensa. Questa foto è dell'agosto 2013, e ci sono molto affezionata. :)

      Elimina
  8. Anch'io sono più lenta, o forse ho questa sensazione perché leggo mille cose insieme, compresi fumetti e riviste scientifiche, così il "tempo-romanzo" si allunga.
    Però, se posso, compro in libreria, sopratutto se indipendente. Le librerie sono luoghi magici e senza il sostegno dei lettori rischiano l'estinzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anch'io una libreria indipendente di riferimento, sia a Sanremo sia a Milano. Quando voglio fare un regalo a qualcuno, o comprarmi qualcosa senza dover aspettare il corriere, vado lì perché mi trovo bene. il ricorso all'acquisto online serve più che altro per gli acquisti pianificati. Io compro veramente tanti, tanti libri. E un po' di risparmio non dispiace. :)

      Elimina
  9. Anch'io amo le parole e le sensazioni che possono trasmettere. Sulla lettura sono molto più lenta, soprattutto perché leggendo la sera crollo dalla stanchezza dopo un paio di pagine, ma recupero nel week end. Amo girare per librerie ma ormai compro quasi solo eBook per praticità e spazio.
    Nella foto stai davvero bene in costume, complimenti e cerca di recuperare i chili persi. Io invece in periodi di stress tendo a ingrassare e negli ultimi tempi sto lievitando sob!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti! Spero anche io, sebbene non ci sia poi una gran differenza. Su di me i kg persi si vedono poco, si distribuiscono in altezza. :)

      Elimina
  10. Abbiamo in comune: 1 2 4 13 14 16 18 24
    Io però ho un amore viscerale per le storie ;)
    Invidio sia la velocità di lettura, che l'abbronzatura e lo stress dimagrante. Me lo insegni quest'ultimo? Che di stress ne ho, ma si accumula, mannaggia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho un amore viscerale per le storie...
      Penso siano magiche! :)

      Per lo stress, te ne scaricherei volentieri un po'! :-D

      Elimina
  11. Ciao Chiara, qualcosa in comune abbiamo. VEdi risposta sul salvare un libro solo, ad esempio. O le risposte alle domande 3/4/8...
    Sto preparando anch'io il meme eh... troppo intrigante!
    Ciaooo e buon weekend.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, lo leggerò volentieri! :)

      Elimina
    2. http://hermioneat.blogspot.it/2016/07/venticinque-domande-indiscrete-su-libri.html
      pubblicato oggi!
      Ciaoooo

      Elimina
  12. Ciao! :D
    Devo dire che mi ritrovo in molte risposte! Quasi quasi preparo anche io questo meme, le domande mi piacciono moltissimo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te! :)
      Prego, accomodati: se ti va, c'è anche il questionario sul cinema. :-D

      Elimina
  13. Che bello questo meme, penso che lo farò anch’io! :)
    E che bella la foto! In tutto lo splendore estivo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo leggerò con piacere!
      E grazie per i complimenti. :)

      Elimina
  14. Sono un lettore compulsivo, ma rarissimamente compro libri, piuttosto saccheggio le biblioteche del torinese. Anzi, mi fai venire in mente che ne dovrei giusto prenotare qualcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riuscirei a separarmi dai libri che ho amato... :)

      Elimina
  15. Belle risposte! Andresti d'accordo con mia moglie, visto che anche lei apprezza molto i thriller, passerebbe ore a parlare di Lucarelli e Camilleri.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilleri è più giallo che thriller, ma piace molto anche a me. :)

      Elimina
  16. Bello, più tardi partecipo!

    RispondiElimina
  17. L'idea mi è piaciuta così tanto da aderire a questo meme. Le mie risposte le trovate sul mio sito a questo link: http://www.giuseppemarinoscrittore.it/25-domande-indiscrete-su-libri-e-lettura/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Letture che ispirano - La trilogia del male di Roberto Costantini

Freedom writers - il valore della scrittura di getto

Con le mani nei capelli - manuali e guest-post

La descrizione fisica dei personaggi

Scrivere un romanzo - portare a termine la prima stesura

I miei anni '90

Scripta manent - Il viaggio invisibile delle parole

Lo scrittore da Mc Donald - snobismi letterari e dintorni

La voce del Jolly #1 - Davide Laura, dalla strada alla Scala

La volontà di essere un Jolly