Post

#imieiprimipensieri - Due domandine sulla semplicità

Immagine
Riduci la complessità della vita eliminando i bisogni inutili,  e le fatiche della vita si ridurranno. (E.W.Teale)
Qualche giorno fa, alla fine del post I 7 pilastri della ScritturaConsapevole – Semplicità (1), avevo riportato le due domande proposte da Julia Mc Cutchen nel suo libro. Rispondere con onestà, senza lasciarci fagocitare dal mentale, può aiutarci a prendere coscienza delle nostre reali esigenze: partendo da lì e tagliare tutti i rami secchi che “sporcano” sia la nostra vita quotidiana sia la nostra attività creativa. Premettendo che d’ora in poi i miei articoli saranno un po’ più brevi(adesso si aggirano tutti intorno alle 1300 parole) per aiutarvi ad assimilare meglio i contenuti, ho deciso di essere la prima a rispondere. Voi potrete fare lo stesso, o nei commenti o suoi vostri blog personali. Per quel che mi riguarda, ho deciso di adottare lo stile de #imieiprimipensieri(nessuna rilettura e nessuna revisione)per impedire alla mente di viziare l’autenticità di ciò che dirò.…

I 7 pilastri della Scrittura Consapevole - Semplicità (1)

Immagine
La natura opera nel modo più conciso possibile. (Aristotele)
(Qui, gli altri articoli sulla Scrittura Consapevole)
Tra i sette pilastri della scrittura consapevole, quello della semplicità è per me il più difficile da applicare. O meglio: lo era all’inizio. Ora il processo di purificazione dalle scorie della mia mente sta avvenendo in maniera spontanea. Per far evolvere la mia scrittura, è bastato trasformare la mia vita quotidiana.
Come per l’autenticità, infatti, anche la costruzione di questo pilastro deve avvenire prima nel proprio modo di essere. A scrivere i nostri testi, come ho detto mille volte, non è un’entità soprannaturale: davanti alla tastiera ci siamo noi, con il nostro stile di vita, le nostre paure e le nostre fragilità.
Per questo motivo, dopo avervi spiegato brevemente l’importanza della semplicità in ambito creativo, farò  un passo indietro e vi racconterò cosa ho compreso grazie al mio recente cambiamento di priorità.
Anche stavolta non mi limiterò a suggerirvi gli ese…

Sdoppiamenti.

Immagine
Il meglio del vivere sta in un lavoro che piace e in un amore felice.
(Umberto Saba)

Negli ultimi mesi ho riflettuto a lungo sul destino di Appunti a Margine, specialmente in concomitanza con la realizzazione (in ritardo, come tutto il resto) di un nuovo sito che sarà di supporto alla mia attività di editor e consulente editoriale. Qualcuno mi ha suggerito di trasferire baracca e burattini sul portale attualmente in costruzione, ma io non sono mai stata convinta di quest’idea. I due siti hanno infatti finalità diversa. Questa pagina è sempre stata caratterizzata da un’assoluta libertà espressiva. Il fatto che non guadagnassi nulla dalla sua esistenza mi ha consentito per anni di scrivere ciò che volevo come volevo, senza tener conto, se non in modo sommario, della SEO e di altre strategie comunicative che privano la scrittura della propria autenticità e la sottomettono a uno scopo commerciale. Il portale attualmente in costruzione, invece, mi servirà per lavorare. Non potrò “sbracare” c…

#imieiprimipensieri - Limiti

Immagine
Comincerete a prendere in considerazione la follia  quando essa vi tornerà utile per risolvere i vostri problemi da persona normale.  (Anonimo)
(Qui vi spiego l'iniziativa #imieiprimipensieri e qui ci sono tutti i post della serie)
Abolire il calendario editoriale e scrivere secondo ispirazione è stata una decisione che ha reso i miei articoli più autentici, ma ha avuto come effetto collaterale un lungo silenzio non programmato. Dove sono stata in queste settimane? Sempre qui. Prima con la febbre. Poi fagocitata dai regali di Natale, i pranzi con i parenti, alcuni lavori da chiudere prima della fine dell’anno e della mia partenza. Domani torno a Novello, in Piemonte, nell’unico luogo in cui mi sento veramente libera. Lì non ci sono aspettative, né mie né altrui. Lì posso concentrarmi solo su ciò che mi sta a cuore. Il mio compagno. Ma soprattutto (non me ne voglia il buon Beppe) la narrativa. Riuscirò stavolta a scrivere le ultime quindici pagine che mi mancano per terminare la stesur…

Il Jolly e la Gassosa Purpurea - il conformismo

Immagine
Il conformismo è il carcere della libertà e il nemico della crescita. (John Fitzgerald Kennedy)

Il secondo (anzi, terzo) appuntamento con la Gassosa Purpurea avrebbe dovuto riguardare il Senso di Colpa, ed essere pubblicato prima di Natale. Io però in questo periodo ho bisogno di assecondare la mia creatività e non fermare il flusso delle idee. Quindi, eccomi qui, a parlare di un altro pseudo-valore di cui il Sistema si serve per rafforzare sudditanza psicologica dei Nani: il conformismo.
L’idea di affrontare questo argomento è nata quando ho scoperto che Papa Francesco ha proposto di cambiare un verso del Padre Nostro, poiché ritiene che contenga un errore di traduzione. Dio, infatti, non induce in tentazione: quello lo fa il demonio. Dio, piuttosto, evita che gli umani cadano nel peccato, li salva.
Sapete perché l’episodio mi ha così colpita?
Rimugino sul significato di questo verso da anni. Io, che come avete già visto ho un rapporto conflittuale con la Chiesa, durante le funzioni non s…

Il Jolly e la Gassosa Purpurea - La Religione.

Immagine
Credo nel Dio che ha creato gli uomini, non nel dio che gli uomini hanno creato. (Alphonse Karr) Quando scrissi Il post riepilogativo sul Jolly e sui Nani, anticipai anche un approfondimento relativo al tema della Gassosa Purpurea, perché molti non avevano compreso di cosa si trattasse. Io, con riferimento al romanzo L’enigma del solitario di Gaarder, presentai il concetto così:
[La gassosa purpurea] rappresenta tutto ciò che distoglie l’individuo dalla sua vera naturadistrugge la sua creatività e lo sintonizza su basse vibrazioni. Questa droga è quindi un canto delle sirene che impedisce ai Nani di ascoltare la propria voce interiore e fa dimenticare loro lo scopo per cui sono nati. Nessuno di noi ne è immune, specialmente nel mondo occidentale. Di questo, però, non dobbiamo preoccuparci. È l’abuso a renderci schiavi, non la somministrazione morigerata, che al contrario può darci una mano a ridurre lo stress. La perdita di consapevolezzaavviene infatti quando il Nano cerca una via di f…